SEGUI I NOSTRI FEED
SEGUICI SU GOOGLE+
Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011
LE PIU' LETTE DEL MESE LE PIU' LETTE DELLA SETTIMANA
Cerca nella rivista
Lettere al Direttore
Invia la tua e-mail al nostro Direttore massimocalleri@aruba.it
Oppure scrivendoci all'indirizzo
CIVICO20 NEWS
C.so G. Cesare 3
10152 Torino
Il dopo Riina
Nebuloso il possibile rientro di Cesare Battisti e Giancarlo Tulliani
Home | Politica | Politica Internazionale
Il pericoloso gioco di Mosca sul confine israelo-siriano.
Circoscritte schermaglie tra Israele e Siria potrebbero convenire alla Russia, che in Medio Oriente ha assunto il ruolo dell’adulto un tempo degli USA.
Print version Versione Stampa Solo testo Solo testo
Email to a friend Manda via mail ad un amico
Grandezza Font: Decrease font Enlarge font

La visita del ministro della difesa russo Sergei Shoigu in Israele la scorsa settimana è un segnale dei crescenti legami tra Israele e Russia. Era la prima volta che un ministro della difesa russo visitava Israele, ed è stata una dimostrazione della volontà di entrambe le parti di rafforzare le relazioni e di aggiungere un aspetto difensivo strategico ai rapporti politici, diplomatici, culturali e commerciali che già si sviluppano tra i due paesi.

Tuttavia, proprio mentre il ministro della difesa russo era in viaggio verso Israele, si è verificato un altro serio incidente sul fronte settentrionale. I siriani hanno sparato un missile verso un aereo israeliano in volo di ricognizione sul Libano (con delle fake news, si sono anche vantanti d’averlo abbattuto).

 

In risposta, le Forze di Difesa israeliane hanno attaccato e distrutto la batteria siriana SA-5 che aveva lanciato il missile. Gli annunci provenienti da Damasco, inclusa una dichiarazione del capo dell’esercito iraniano in visita nella capitale siriana questo fine settimana secondo il quale Iran e Siria non consentiranno a Israele di continuare ad agire in territorio siriano, indicano che è solo una questione di tempo prima che si verifichi il prossimo incidente. (Sabato, in reazione a cinque razzi lanciati sul Golan israeliano, le Forze di Difesa israeliane hanno colpito e distrutto tre pezzi d’artiglieria siriani.)

Non è che i siriani chiedano necessariamente il permesso ai russi prima di sparare verso gli aerei israeliani. Ma si può presumere che Mosca sia ben informata e disposta ad accettare la nuova politica di reazioni più dure da parte di Damasco, che mira a sfidare Israele ogni volta che esso agisce in territorio siriano contro i movimenti di armi che pregiudicano la sua sicurezza.

 

Al tempo stesso, i russi sono anche informati e disposti ad accettare la politica attiva di Israele in Siria. Dopo tutto, il primo ministro Benjamin Netanyahu ha confermato più volte che il presidente russo Vladimir Putin ha prestato orecchio alle sue spiegazioni sul perché Israele debba agire contro l’eventuale presenza militare iraniana in Siria e contro le forniture di missili dall’Iran a Hezbollah.

 

Putin non ha affrontato Netanyahu sulla questione, e tutto ciò che i russi hanno chiesto a Israele è di assicurarsi che le Forze di Difesa israeliane si coordinino con l’Armata Rossa per evitare scontri fra le due parti nello spazio siriano.

Può darsi che la Russia sia consapevole della sua limitata influenza su entrambe le parti e che perciò preferisca lasciare che i due paesi amici, Israele e Siria, continuino a scontrarsi senza mettersi in mezzo. Questo vale anche per l’Iran, un importante partner, se non addirittura uno stretto alleato della Russia in Medio Oriente: un paese dei cui servizi la Russia ha ancora bisogno, così come ha bisogno dei servizi di Hezbollah, per assicurare la vittoria finale del regime di Bashar Assad nella guerra civile siriana.

 

Ed è possibile che i russi, come gli americani, siano concentrati più che altro sul loro obiettivo immediato: Washington vuole eliminare l’ISIS, Mosca vuole la vittoria di Assad. In questo senso i russi non avrebbero interesse né tempo per occuparsi della questione del “giorno dopo”.

Ma è anche possibile che gli scambi di colpi tra Israele e Siria convengano ai russi, giacché l’azzuffarsi e il timore di una escalation spingono sia Gerusalemme che Damasco nelle braccia della Russia e fanno di Putin l’adulto della situazione, un ruolo che gli americani hanno perso da tempo in Medio Oriente.

Il problema è che gli scambi di colpi limitati e definiti potrebbero degenerare in un conflitto a più dimensioni che nessuno vuole, ma in cui entrambe le parti potrebbero ritrovarsi a causa di un errore di calcolo o semplicemente alzando la posta delle reazioni (come hanno fatto i siriani la scorsa settimana quando hanno sparato verso l’aereo israeliano in missione di routine che non aveva compiuto nessuna azione contro la Siria). L’elemento iraniano nell’equazione può solo rendere le cose più complicate e pericolose.

Gli Stati Uniti sono il più importante alleato di Israele, specialmente quando si tratta di un sostegno diplomatico senza remore e del mantenimento della superiorità tecnologica militare d’Israele rispetto ai suoi nemici. Ma a quanto pare, quando si tratta di trovare una formula che garantisca la calma lungo il confine settentrionale, ora è Mosca l’indirizzo a cui ci si deve rivolgere.

 

Possiamo solo sperare che i russi non cambino la loro politica di tenere la mani in tasca di fronte alla lotta scoppiata fra i “ragazzi” del quartiere, per passare a una politica più interventista volta a fissare “linee rosse” per i siriani e gli iraniani. Soprattutto per gli israeliani, il che potrebbe chiudere i margini di manovra che le Forze di Difesa israeliane si sono finora riservate in Siria con l’obiettivo di ridurre le minacce future e prevenire  guerre molto più devastanti.

 

israele.net

Redazione
Fabio Mandaglio

Fabio Mandaglio

Consulente informatico e WebMaster.
Massimo Calleri

Massimo Calleri

Direttore Responsabile di CIVICO20NEWS
Marco Pinzuti

Marco Pinzuti

Collaboratore CIVICO20NEWS
Mauro Bonino

Mauro Bonino

Redattore Civico20News
Vito Piepoli

Vito Piepoli

Redattore CIVICO20NEWS
Andrea Gunetti

Andrea Gunetti

Redattore CIVICO20NEWS
Gian Carlo Pavetto

Gian Carlo Pavetto

Collaboratore CIVICO20NEWS
Milo Julini

Milo Julini

Collaboratore CIVICO20NEWS
Lele Boccardo

Lele Boccardo

Vice-Direttore CIVICO20NEWS
Marcello Fadda

Marcello Fadda

Collaboratore CIVICO20NEWS
Carlo Mariano Sartoris

Carlo Mariano Sartoris

Collaboratore CIVICO20NEWS
Giorgio Borello

Giorgio Borello

Redattore CIVICO20NEWS
Carlo Emanuele Morando

Carlo Emanuele Morando

Collaboratore CIVICO20NEWS
Francesco Rossa

Francesco Rossa

Direttore Editoriale CIVICO20NEWS
Romana Allegra Monti

Romana Allegra Monti

Vice Direttore CIVICO20NEWS
Giancarlo Guerreri

Giancarlo Guerreri

Redattore CIVICO20NEWS
Rodolfo Alessandro Neri

Rodolfo Alessandro Neri

Redattore CIVICO20NEWS
Claudio De Maria

Claudio De Maria

Redattore CIVICO20NEWS
Valentina Spina

Valentina Spina

Collaboratore CIVICO20NEWS
Enrico S. Laterza

Enrico S. Laterza

Redattore CIVICO20NEWS
Marta Lovisolo

Marta Lovisolo

Collaboratore CIVICO20NEWS
Oriol Bosque Morata

Oriol Bosque Morata

Collaboratore CIVICO20NEWS
Mauro Voerzio

Mauro Voerzio

Collaboratore CIVICO20NEWS
Virginia Cristina De Meo

Virginia Cristina De Meo

Collaboratore CIVICO20NEWS
Maria Luciana Pronzato

Maria Luciana Pronzato

Collaboratore CIVICO20NEWS
Jacopo Bergeretti

Jacopo Bergeretti

Collaboratore CIVICO20NEWS
Civico20News Redazione

Civico20News Redazione

L'Editoriale

L'Editoriale

Enrica Maccari

Enrica Maccari

Collaboratore CIVICO20NEWS
Marco Zaia

Marco Zaia

Collaboratore CIVICO20NEWS
DAI INFORMA

DAI INFORMA

Silvia Celani

Silvia Celani

Collaboratore CIVICO20NEWS
Fabio Duranti

Fabio Duranti

Collaboratore CIVICO20NEWS
Gianfranco Piovano

Gianfranco Piovano

Redattore CIVICO20NEWS
Sara Garino

Sara Garino

Collaboratore CIVICO20NEWS
Giovanni Tasso

Giovanni Tasso

Collaboratore CIVICO20NEWS
cron
CIVICO20 NEWS
Reg. Stampa num. 22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

REDAZIONE/CONTATTI
Lettere al Direttore: massimocalleri@aruba.it
Telefono: 320/186.15.23
339/183.51.20
WebMaster: info@fabioemme.it
Telefono: 349/64.66.003

© Copyright 2010 - ASSOCIAZIONE CULTURALE "BORGO DORA - I RESIDENTI DI TORINO"
All rights reserved.

Sito realizzato da - FABIO EMME / Multimedia & Web Solutions